sabato 8 dicembre 2012

Lì fuori c'è l'inverno

Lì fuori c'è l'inverno, senti
come una mano accarezza luminosa il fianco, si muove
la schiera di freddo dal peso sotto il cielo

è solo un suono estenuato
la dolce assenza di chi non ha vissuto
tra queste mura tanto da poter dire
'esiste un fine, la paura tocca il fondo e muore'

è l'attendere calmo del vento controsoglia

(i rami - le sottili parole
si riparano dentro la mia bocca
eppure, ti prego,  non sia detto
che tu sei qui o che tu ci sia stato o che io ne abbia mai
avuto voglia)

sabato 17 novembre 2012

Ora comincia a piovere forte

Ora comincia a piovere forte
la terra si bagna di se stessa
dopo aver esalato tanti sospiri caldi
tanto fumo nel giorno della sua bellezza

il cambio di una stagione avviene sempre
quando il fulgore è pieno
da non lasciare spazio a niente tranne il buio
pronto a esplodere, per riprendersi terreno.

Così dice la ragione di quest'acqua nera
su tutto: che il giudizio corre come un fiume
verso chi osa l'atroce superbia del viso
offerto alla luce.

lunedì 1 ottobre 2012

Sagome vuote


Di come si parte in silenzio da chi
ha il respiro ormai socchiuso e non vede
che la luce come uno squarcio aperto sul costato

di cosa sentivano i muri
e il sole oltraggioso la finestra il vetro
il quadro a rovescio sul selciato

di come un sasso cresce
fino a cima di monte e il bosco
partorisce foresta

Di tutto questo
nessuno sa mai dire il vero.
Si va per ipotesi
come un archeologo prima dello scavo, si va
per anamnesi, a raccolta di fonti

così sconti i peccati ti scuoti


E le parole guardano
come sagome vuote a un tavolo di cera.

mercoledì 26 settembre 2012

Ma il fuoco resta

Entra un vento solitario
pieno di voci.
Io annaspo
risalgo foci fino alla corrente
tutta, muta
con le urla mai nate.

E' un sonno lungo
tra i rumori del mondo.

Ma il fuoco resta
crepita su un comodino. Lo tengo
al seno, vicino.



mercoledì 18 luglio 2012

E' sempre un'attesa

E' sempre un'attesa a perdere la mente
come quando non scorre acqua
intorno è sabbia, febbre muta
in una lente sfocata

Poi, al suono, ritrovarsi il luogo dei vestiti, vedere
che anche uno sguardo ha la sua posa

in quell'angolo di polvere mista a cenere bianca
gli occhi stendono piccole ali.

domenica 15 luglio 2012

lunedì 2 luglio 2012

Quanto si danno pena

Quanto si danno pena
mancano proiettili, pensano
di stare sul niente

Come se sotto sotto
non fossero i morti

uno sull'altro trasparenti

pellicole
vuote di silenzio.

domenica 10 giugno 2012

Stanotte il letto ha fiorito

Stanotte il letto ha fiorito

sì, è vero, credi
sia folle inventare storie
come bambini desolati
dopo che la bugia è scoperta

però il rigoglio
è così robusto, il legno
non è finto

...quasi verde.

venerdì 18 maggio 2012

Sembra tutto già detto

Sembra tutto già detto
a furia di leggere i morti
e i vivi quasi morti
pur di essere ricordi.

Sembra che tutto sia lì
scritto. E basti aprire un libro
scorrere col dito le parole ritrovarsi
dentro un altro, poi chiudere e questo
forse copre il dolore.

domenica 8 aprile 2012

Poetrydream: Poesie = D'Errico

Poetrydream: Poesie = D'Errico: (ai sopravvissuti) Quando vedo la morte nel quadrato domestico come Orlando folle di mancanza al senno preferisco il volo mistico la d...

domenica 1 aprile 2012

La poesia

La poesia per chi è solo
non è indicata. Ha bisogno di vita
mai di silenzi, né di lunghi sospiri
o perenni ripensamenti

dovrebbe essere tramestio, senza arie
da bestia ferita: buttarsi uniti
su un verso.

E che sia nobile, che si senta
debole e non dia a vedere.

lunedì 20 febbraio 2012

Dorme la notte

Dorme la notte e neanche
sveglierebbe il giorno

- il lungo giorno
ombroso come una spirale.

Dalla porta ai vetri un muro
di cose viene incontro, souvenir
per chi vive
e inserraglia e nasconde

(queste le fondamenta, l'unica
voglia)

martedì 7 febbraio 2012

Zero gradi

come fanno a camminare i passeri
sulle briciole di pane gettate
da mani invisibili

(ti vedo, tu del piano basso
che nascosto prepari la cena
per loro: cadono in volo
nel cortile molliche come sassi)

come fanno i cani?

Nel grigio panoramico
siamo tutti scomparsi.